martedì 5 gennaio 2016

L'ospedale trasformato in comunità autosufficiente, dove i malati terminali vivono con le famiglie

Dalla Cina, ecco una storia agrodolce, che parla di diritti negati ma anche di umanità e resilienza: un ospedale trasformato in una residenza, in cui i malati terminali possono trascorrere l'ultima fase della propria vita circondati dall'affetto dei propri cari, ricevendo, nello stesso tempo, l'assistenza sanitaria necessaria. Siamo nella remota provincia orientale di Wuyi, dove una struttura un tempo all’avanguardia e oggi in stato di semiabbandono è diventata così la casa di un gruppo di ex minatori malati di silicosi e delle loro famiglie... (continua su greenMe.it)

Nessun commento: