lunedì 30 dicembre 2013

Dorotea e l'incantesimo del cancello

A tempo perso, ho scritto una storia breve per la mia bimba, ispirandomi alle sue piccole "passioni" - i giochi, le bambole, le storie, le musiche e i video che, al momento, predilige. L'ho autopubblicata su Lulu.com: se la cosa vi dovesse interessare, il librino si trova qui in versione cartacea e qui in e-book. Ne approfitto per ringraziare lo zio Sante e la zia Valentina per la bella illustrazione che ci hanno regalato! 
Ed ecco i primissimi paragrafi...

La neve scendeva copiosa sul villaggio, imbiancando tetti, cortili e stradine, come non accadeva ormai da molti anni. I bambini se ne stavano alle finestre a osservare con stupore ed entusiasmo i piccoli fiocchi che, fitti e leggeri, si posavano incessantemente l’uno sull’altro. Quello - ne erano certi - sarebbe stato un Natale straordinario!
Il fuoco crepitava nel grande camino di mattoncini rossi, mentre la madre e le figlie maggiori si affaccendavano nei preparativi per la cena della Vigilia e per il ricco pranzo dell’indomani. Dopo pochi minuti, il padre rientrò in casa con un ceppo di legno da ardere, seguito dal dottor Morfeo, vicino di casa e amico di famiglia.
“Si è scatenata una vera tormenta!” commentò l’anziano ospite tutto infreddolito, mentre si spogliava del cappello e del pesante mantello scuro, scoprendo la fronte rugosa e i capelli ormai radi e bianchi.
Il dottor Morfeo viveva da solo e amava molto trascorrere del tempo con i suoi vicini, in quella grande casa piena di vita e di calore, trovando molta gioia nell’osservare i giochi spensierati dei bambini e nel raccontare loro storie esotiche ed avventurose. C’erano ben otto figli nella famiglia - due ragazze già adolescenti e sei chiassosi e vivaci maschietti tra i tre e i dodici anni - e in loro compagnia non c’era mai spazio per noia o malinconia. Anche quella sera cenarono tutti insieme, chiacchierando in modo gioviale, commentando l’inattesa e incantevole nevicata e facendo previsioni scherzose sulla durata del lauto pranzo che la padrona di casa stava preparando per il giorno di Natale.
 Concluso il pasto la figlia maggiore, Dorotea, salì come di consueto al piano superiore per preparare i fratellini per la notte. I piccoli dormivano in tre stanze contigue, che si affacciavano lungo il corridoio principale. Tra risa, scherzi e qualche capriccio, i fratellini indossarono i pigiami e si radunarono in una delle tre camerette per ascoltare dalla voce calda e rassicurante della sorella maggiore una storia della buonanotte.
Nelle loro fiabe predilette c’erano cavalieri, draghi e animali parlanti e ogni sera Dorotea si sforzava di aggiungere ai suoi racconti qualche dettaglio che potesse attirare la loro attenzione e solleticare la loro fantasia. Poi, intonando una ninnananna, la ragazza accompagnava ciascuno dei fratelli al proprio letto, gli rimboccava le coperte e schioccava sulla sua fronte un bacio affettuoso.
Quella sera i piccoli erano così eccitati dallo spettacolo della neve che Dorotea fece molta fatica a convincerli ad addormentarsi. Raccontò loro due storie avventurose, in una delle quali riuscì a far comparire un’improvvisa nevicata notturna, e cantò diversi stornelli e ninnenanne: ma, nonostante i suoi sforzi, la sua pazienza e la sua buona volontà, ci volle quasi un’ora perché tutti si assopissero.
Quando anche l’ultimo dei fratelli si fu abbandonato al sonno, Dorotea chiuse con cura le porte delle tre camerette e uscì nel corridoio a passo svelto e leggero, cercando di tornare al piano inferiore senza svegliare nessuno. Non c’erano candele a illuminare il suo percorso, solo il riverbero delle luci che brillavano al piano inferiore. Per questo Dorotea non si accorse immediatamente della presenza del dottor Morfeo, che la attendeva in piedi, in cima alla scalinata. La ragazza era stupita: sapeva che il dottore amava molto sentirla cantare, lui stesso glielo aveva detto più volte. Che fosse salito ad ascoltarla?
“Dormono tutti?” le chiese con un sorriso gentile. La sua voce era appena un sussurro.
Dorotea annuì, quasi intimidita da quella inattesa presenza.
“Ho una cosa per te.” le disse allora il dottore. Con un gesto rapido, estrasse dalla tasca un fagotto e glielo porse. Dorotea lo prese tra le mani, esitante e, nello stesso tempo, incuriosita. Avvolto in un panno nero c’era uno specchio di legno scuro, con un piccolo ovale dai riflessi azzurri e un lungo manico finemente intagliato.
“Non è un oggetto di valore, ma appartiene alla mia famiglia da molti anni.” spiegò il dottore con modestia. “Sarei felice che lo avessi tu. Domani, in fondo, è Natale.” Poi, reclinando lievemente il capo, aggiunse, quasi con imbarazzo: “Ho approfittato di questo momento per dartelo perché ti sapevo sola… Non volevo deludere i tuoi fratelli: non ho doni per loro.”
Dorotea lo ringraziò e gli rivolse un sorriso riconoscente. Il dottore si avviò in silenzio giù per la scalinata, mentre la ragazza riavvolgeva lo specchio nel panno e andava a riporlo nella propria stanza.
Poco dopo il dottor Morfeo se ne andò, rassicurando la padrona di casa riguardo alla propria presenza al fastoso pranzo dell’indomani. Continuava a nevicare e la strada si intravvedeva appena ma, mentre percorreva faticosamente i pochi metri che lo separavano dalla porta della propria casa, il dottore non poteva fare a meno di sorridere, pieno di speranza.

Nessun commento: